Valle d'Aosta

La Valle d'Aosta è la più piccola regione d'Italia con un'estensione di 3262 Kmq, incassata tra le Alpi, con una popolazione di 128 mila abitanti e che ospita le vette più celebri d'Europa – il Monte Bianco, il Cervino, il Monte Rosa, il Gran Paradiso. Due colli alpini – il Piccolo e il Gran San Bernardo – e due trafori internazionali – quello del Monte Bianco e quello del Gran San Bernardo collegano la Valle d'Aosta alla Francia e alla Svizzera. Paese di frontiera, la Valle d'Aosta è stata popolata sin dall'antichità, passando dai Salassi, ai Romani, ai Longobardi, ai Franchi e ai Burgundi – dai quali sono nati i Conti di Savoia che segnarono la storia della Valle per nove secoli, fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. La lunga tradizione di autonomia e di autogoverno della Valle d'Aosta risale al Medio Evo, sotto il regno di Casa Savoia, che, nel 1191, le concesse una Carta delle Franchigie, molte volte riaffermata e ampliata. Una posizione geografica unica e un mix eccezionale di culture sono all'origine della specificità valdostana, che è stata riconosciuta dallo Statuto Speciale di autonomia del 1948. Lo Statuto, che è una legge costituzionale dello Stato italiano, identifica due lingue ufficiali – il francese e l'italiano – così come il walser, lingua di origine germanica, parlato nella Valle del Lys. Divisa in 74 comuni, la regione ha per capitale Aosta, città di 35.000 abitanti fondata dai Romani nel 25 a.C. e situata proprio al centro della Valle. La Valle è costellata di mete culturali di estremo interesse: dagli imponenti resti della civiltà romana, alla bellezza dei castelli e dei forti che ritmano il paesaggio valdostano, alla ricchezza dei musei delle chiese che costellano la Valle. Monumenti che sono la testimonianza di una comunità che in secoli di storia ha forgiato il suo carattere e le sue peculiarità. La Valle d'Aosta ha un patrimonio naturale di rara bellezza, tutelato da un sistema di aree protette: 2 parchi — il parco nazionale Gran Paradiso e il parco naturale Mont-Avic —, 10 riserve naturali, 19 siti della rete ecologica Natura 2000 e 4 giardini botanici alpini.


Per maggiori informazioni e attività consultate il sito